La testimonianza di Issah - giovane del Ghana richiedente asilo - ha colpito gli oltre 200 studenti dell’Istituto Tecnico Industriale F. Viola di Adria, riuniti in Assemblea. Durante il racconto del duro viaggio per attraversare il deserto e il Mediterraneo, Issah ha ricevuto un ascolto profondo e silenzioso. Anche quattro giovani della Nigeria e del Gambia, accolti nel Centro di Sant’Anna di Chioggia, hanno accompagnato Issah nella scuola.

Durante la mattinata, P. José Mariano (sacerdote della Comunità Missionaria di Villaregia) ha preso la parola per condividere i numeri reali dell’immigrazione e dei rifugiati in Italia e nel mondo, aiutando a spazzar via dalla mente di tanti quei luoghi comuni alimentati e amplificati da una falsa informazione.

Elena Favaretto, operatrice di “Intrecciati” (Progetto di Ospitalità Rifugiati della Diocesi di Chioggia), ha condiviso la propria esperienza e quella del progetto in cui è coinvolta da vari mesi.

Alla fine dell’incontro vari studenti si sono avvicinati ai relatori per far domande e approfondire l’argomento. Una giovane ha ringraziato dicendo: “Grazie perché ci aiutate ad aprire gli occhi.” Altri si sono interessati e offerti per un possibile servizio di volontariato.

L’incontro di sensibilizzazione avvenuto ad Adria è parte del lavoro che la Comunità Missionaria di Villaregia svolge nel territorio, in collaborazione con “Intrecciati”. Scopo degli incontri nelle scuole è quello di informare sulla situazione dei rifugiati, promuovere l’integrazione e l’inclusione sociale.

Scopri di più!

Per programmare un incontro presso le scuole: 3465038220 (P. José Mariano) 

 

Lotteria Missionaria CMV 2020