Filippine, viaggio della Comunità Missionaria di Villaregia
Ci giungono in questi giorni notizie da p. Valerio D’Eliseo e p. Roberto Atzeni, missionari in visita a Hong Kong, Filippine e Cambogia partiti con il desiderio di stabilire alcuni contatti e approfondire la possibilità di iniziare una nuova missione.

Atterrati! - Arrivati nel continente asiatico il 6 gennaio, p. Valerio e p. Roberto si sono fermati, come da programma, a Hong Kong, metropoli con 7 milioni di abitanti sulla costa meridionale della Cina, accolti all'aeroporto da una coppia di amici hongkonghesi, Louis e Christina. Successivamente si sono recati dai padri missionari del PIME (Pontificio Istituto Missioni Estere - Istituto presente a Hong Kong dal 1858) che hanno dato ospitalità ai nostri missionari aiutandoli a conoscere la realtà locale.

Hong Kong, letteralmente "porto profumato",  è una regione amministrativa speciale della Cina

 

Qualche numero - Attualmente Hong Kong conta 61 parrocchie e circa 400 mila cattolici, la metà dei quali originari di altri Paesi vicini. Le scuole cattoliche sono 252. I battesimi sono quasi 7.000 all’anno e circa la metà di questi sono ricevuti da adulti. La lingua più diffusa è il cantonese, caratterizzato da una grammatica e da un lessico non semplice che richiede diversi anni di studio.

L’incontro con gli abitanti – “Abbiamo conosciuto diverse persone - raccontano i missionari in una lettera - ascoltato le loro testimonianze, gioito per l’opera di Dio nell’intimo e nella vita di tanti cristiani che vivono in un contesto non facile la loro fede”.

Destinazione Filippine - Lunedì 9 gennaio p. Valerio e p. Roberto si sono spostati a Manila (Filippine) dove sono stati accolti da p. Nemesio, sacerdote missionario filippino della congregazione del Cuore Immacolato di Maria. “Dopo un’ora e mezza di viaggio – raccontano -siamo arrivati nella loro casa attraversando buona parte della città che conta 12 milioni di abitanti. Abbiamo notato tanta gente per le strade, un traffico incredibile e purtroppo tanta povertà: guardando questa realtà ci sembrava di tornare in Perù, a Lima e in Brasile!”.

 

Filippine: 7.107 isole in un fazzoletto di Oceano Pacifico

 

Una calorosa accoglienza – La casa nella quale sono stati ospitati i missionari è una casa di formazione dei missionari del Cuore Immacolato di Maria, nella quale vivono 11 giovani: due brasiliani e nove indonesiani. “Il giorno successivo al nostro arrivo – raccontano p. Valerio e p. Roberto - abbiamo celebrato la S. Messa alle 06.30 insieme ai novizi. Ci ha molto stupito il fatto che nel saluto le persone chiedono la benedizione in un modo particolare: stringono la mano del sacerdote e la portano alla propria fronte. Ci siamo spostati poi in diverse cittadine per alcuni incontri e anche qui abbiamo trovato grandissima accoglienza e disponibilità. P. Nemesio e i confratelli ci hanno riservato tante attenzioni così da rendere ancora più proficua la nostra visita”.

La missione a Montalban – I missionari hanno fatto visita anche alla missione a Montalban nella quale vivono 150.000 abitanti. La missione è sorta in seguito alla ricollocazione di persone sfollate provenienti da altre zone carenti vicino al mare e sistemate in case di 36 metri quadrati. Vi lavora un padre, assistito nel fine settimana da un altro sacerdote e da cinque seminaristi.

“In questi giorni – concludono – abbiamo incontrato il vescovo di una diocesi delle montagne, e il Provinciale dei Missionari del Cuore Immacolato di Maria, presenti nelle Filippine da moltissimi anni. Il nostro “tour” proseguirà nei prossimi giorni con altri incontri e contatti con le comunità locali. Contiamo sulla vostra preghiera. A presto. P. Roberto e P. Valerio”.