A Nola, grazie a 40 volontari, la Comunità ha avviato “Facciamoci dono”, progetto rivolto alle persone senza fissa dimora dell’agro nolano per recuparare le "solitudini" e mettere al centro la persona


Negli ultimi anni, a Napoli, 246 senzatetto sono morti per strada. Sono persone che vivono la fase più acuta della povertà, senza poter accedere ai beni e servizi essenziali per la loro vita, quali il cibo e le cure mediche: persone invisibili nella vita e invisibili nella morte.

 

Facciamoci Dono

Per stare vicino a queste persone, nel 2015 abbiamo avviato il progetto "Facciamoci Dono", che prevede la preparazione e distribuzione di un pasto settimanale, oltre a momenti di convivialità, ascolto e contrasto alla dipendenza da alcool.

 

I volontari, divisi in gruppi, lavorano per l’approvvigionamento, la preparazione e la distribuzione dei pasti e per l’assistenza medica e l’aiuto per la documentazione dei permessi di soggiorno.

 

Ogni anno vengono distribuiti 3.100 pasti per circa 60 persone, ma la distribuzione del pasto diventa un’occasione per favorire un incontro più profondo, poiché rappresenta il primo passo nella creazione di un rapporto che mette al centro la persona, il suo mondo interiore e relazionale, all’interno del quale i volontari desiderano “farsi dono”.

 

“Siamo consapevoli di non avere tutti gli strumenti che rispondono alle necessità di queste persone ma desideriamo che il nostro intervento sia da stimolo all’autonomia economica e alla rinascita personale.

Forse è un sogno, ma sappiamo che è Dio a guidarci in questa ricerca: non possiamo e non vogliamo più lasciarli soli ad affrontare la loro battaglia. Anche se il nostro ruolo resterà semplicemente quello di camminare al loro fianco, in ascolto e partecipazione - così come fanno gli amici - vogliamo continuare a farlo”.

Giovanni, volontario


“Facciamoci dono” prevede anche esperienze di integrazione e fraternità, che sono ormai appuntamenti fissi, in particolar modo durante le festività. La cena di S. Stefano, l’uscita del Lunedì di Pasquetta e altri appuntamenti consentono, nella semplicità, di recuperare solitudini spesso drammaticamente radicate nel tempo e restituiscono il senso della relazione e della gioia di stare insieme.  

 

Vivi un’esperienza di vita al fianco di persone vulnerabili. Per unirti ai volontari:

Nello e Alessandra De Falco

cell. 389/0376811