Domenica 12 gennaio presso la Comunità Missionaria di Lonato del Garda si è tenuto l’incontro con lo scrittore afgano Fawad  e Raufi


Ascoltare il racconto della vita e del viaggio che Fawad e Raufi ha intrapreso per fuggire da un Paese coinvolto in una guerra senza fine è sicuramente un’esperienza che arricchisce, apre il cuore e la mente. Lo si è capito dal rispettoso silenzio con cui circa 200 persone hanno ascoltato la sua storia.  

Una vicenda carica di grande sofferenza e dolore, narrata con molta delicatezza, in punta di piedi.

 

Nato a Kabul, in una terra in cui si respira giornalmente, attimo dopo attimo, l’angoscia di non avere un futuro, senza sapere se si vedrà il domani, a 24 anni sceglie di partire per poter finalmente abitare in un posto senza guerra.

Inizia così un viaggio in cerca della pace tanto desiderata, alla fine del quale approda nella Comunità Missionaria di Pordenone.

Qui vede finalmente realizzato il desiderio di poter vivere in libertà, riacquistando quella dignità che gli era stata negata durante il suo interminabile percorso.

 

 

Queste le sue commoventi parole conclusive:

 

 Il mio sogno più bello? Portare in Afghanistan il messaggio che voi mi state dando: essere tutti fratelli.

 

Consigliamo a tutti la lettura del suo libro “Dall’Hindu Kush alle Alpi. Viaggio di un giovane afghano verso la libertà".