Quattro "P" e due "M": questa la "formula" utilizzata da p. Roberto Battitin per fare una sintesi dei suoi ultimi nove anni trascorsi in Costa d’Avorio, durante i saluti ai parrocchiani di Saint Laurent.


Le quattro "P" indicano le parole: perdono, pace, piatti e condivisione ("pardon", "paix", "plats", "partage" in francese). Dopo aver chiesto il perdono della gente per i suoi errori, p. Roberto ha espresso tutta la sua gioia per aver potuto gustare i piatti tipici della cucina ivoriana e aver potuto condividere momenti significativi della vita di molte persone. Ha espresso, inoltre, la sua convinzione profonda sul desiderio e la volontà di costruire la pace del popolo ivoriano.

Le due "M", infine, stanno per musica e grazie (“merci” e "musique" in francese). P. Roberto ha voluto ringraziare quindi per la musica e il ritmo ivoriano che hanno accompagnato la sua presenza a Yopougon e, alla fine, ha espresso un grande “grazie” a tutte le persone incontrate in tutti questi anni.

Molte persone, dal canto loro, hanno voluto esprimere la loro gratitudine per l’amicizia e la capacità di p. Roberto di essere vicino a tutti quelli che soffrono: è difficile contare gli inviti a pranzo o a cena che lui ha ricevuto ed è ancora più difficile sapere quanti sono coloro che si sono avvicinati a p. Roberto per esprimergli la loro gratitudine, per fargli un dono, per dirgli "arrivederci", per affidargli un’intenzione di preghiera...

E allora: “Arrivederci, p. Roberto! Che Dio accompagni il tuo servizio in Italia!”
 

GUARDA LE FOTO