Da venerdì 15 febbraio a domenica 17 “Liberi dalla paura”, con Caritas, Fondazione Migrantes e Centro Astalli/JRS. Presente anche la Comunità Missionaria di Villaregia con 2 missionari e un operatore


Il meeting è stato organizzato per dare voce a quell’Italia che “nella fedeltà alle proprie tradizioni, mantiene vivo quello spirto di fraterna solidarietà che l’ha lungamente contraddistinta”, come ha ricordato Papa Francesco a inizio gennaio.

 

La Fraterna Domus di Sacrofano, comune alle porte di Roma

 

Dunque, protagoniste dell’evento alle porte di Roma saranno famiglie, parrocchie, associazioni e quelle realtà che hanno scelto di ospitare e integrare i migranti presenti nel nostro Paese.

 

«Di fronte alla tragedia di decine di migliaia di profughi (...) il Vangelo ci chiama, ci chiede di essere prossimi dei più piccoli e abbandonati. A dare loro una speranza concreta (...). Rivolgo un appello alle parrocchie, alle comunità religiose, ai monasteri e ai santuari di tutta Europa ad esprimere la concretezza del Vangelo e accogliere una famiglia di profughi».

 

Proprio a sottolineare la sua costante attenzione all’accoglienza, Papa Francesco presiederà venerdì alle 16, presso la Fraterna Domus di Sacrofano, una celebrazione eucaristica in apertura del meeting.

 

Amelie, una ragazza tedesca che ha preso parte al progetto "Face to Face" 

 

L’incontro, che si terrà dal primo pomeriggio di venerdì 15 fino a domenica 17, rappresenta un momento di comunione tra quanti hanno ospitato o sono stati ospitati (famiglie, parrocchie, istituti religiosi, realtà impegnate in percorsi di ospitalità con persone migranti).

 

Come realtà coinvolta nell'accoglienza del migranti, la Comunità sarà presente e rappresentata da p. Luca Vitali, p. Roberto Atzeni e Daniele Penzo, operatore della Comunità di Villaregia.

 


Ti potrebbero interessare

La Comunità di Vedrana accoglie migranti

Migranti, dalla paura all'accoglienza

"Face to Face", i volontari incontrano i migranti