Proposta

Percorso formativo di educazione alla mondialità nelle scuole

sul tema della migrazione e dei rifugiati

Analisi della realtà:

Il numero di rifugiati nel mondo oggi è il più alto dalla fine della seconda guerra mondiale.

Ci troviamo in un momento storico per l’Italia, l’Europa e l’umanità.  Le scelte che si stanno facendo oggi avranno delle ripercussioni a livello mondiale.

Migliaia di migranti forzati stanno morendo cercando di arrivare in Europa.

I giovani italiani hanno poca informazione obiettiva sul tema della migrazione e dei rifugiati. 

Si ripetono tanti luoghi comuni che creano confusione.

Nei nostri paesi si respira un aria di tensione e di paura davanti agli stranieri.

I richiedenti asilo presenti nel territorio si trovano vittime di commenti e atteggiamenti razzisti e hanno poche occasioni di integrazione con le persone dei paesi che li accolgono.

La maggior parte dei richiedenti asilo presenti nel territorio sono giovani.

-Una maggiore integrazione tra italiani e stranieri sarebbe una ricchezza per tutti

 

 

Motivazione

La Comunità Missionaria di Villaregia, fondata in Italia nel 1981 ha esperienza di molti anni di servizio in diverse nazione del mondo: (Brasile, Perù, Messico, Portorico, Costa D’Avorio, Mozambico). I missionari hanno conosciuto personalmente la realtà di tante persone che lasciano la propria terra per trovare una vita migliore.  Come parte della missione in Italia, la CMV porta avanti  un servizio importante di “educazione alla mondialità” nelle scuole.

A questo si aggiunge l’esperienza portata avanti nei ultimi due anni di accoglienza di richiedenti asilo politico, lavorando in rete con diverse associazioni, cooperative ed enti. Questa esperienza ci ha permesso di toccare con mano i drammi dei rifugiati, le sfide del sistema di accoglienza italiano e la paura che tanta gente esperimenta.

 

Obiettivi generali del percorso:

Aiutare a creare un concetto di cittadinanza mondiale.
Condividere informazioni: dati, numeri, storie che aiutino ad avere maggiore obiettività sul tema della migrazione e dei rifugiati.
Approfondire le cause della migrazione e come lo stile di vita personale e comunitario ha conseguenze a livello mondiale.
Creare una occasione di conoscere personalmente dei richiedenti asilo politico.
Fomentare l’integrazione e l’interculturalità attraverso iniziative concrete di volontariato sul territorio locale.

 

Modalità

Il percorso prevede un minimo di 2 incontri per riuscire ad approfondire la tematica con serietà.  Si propone la seguente modalità:

Un primo incontro di due ore nella scuola.

Un secondo incontro di una giornata presso la Comunità Missionaria di Villaregia

 

 

Incontro 1: nella scuola

 

Obiettivi:

Aiutare a riconoscere la dignità di ogni persona umana.
Aiutare ad entrare nei vissuti emotivi dei richiedente asilo.
Aiutare a capire il viaggio che hanno affrontato i richiedenti asilo per arrivare in Italia.
Aiutare a riconoscere che non siamo ben informati sul fenomeno migratorio e sulla realtà dei rifugiati.
Capire meglio i termini legati alla tematica: rifugiato, richiedente asilo, migrante, profugo, sfollato, clandestino, straniero, migrante forzato…
Aiutare a capire come il fenomeno migratorio e dei richiedenti asilo è una realtà a livello mondiale.
Conoscere le problematiche del sistema di accoglienza richiedenti asilo in Italia.

 

Come: 

Spiegazione del viaggio attraverso la testimonianza di un richiedente asilo e/o dei video che spiegano l’attraversata del Mediterraneo, la situazione in Libia, il viaggio nel deserto.
Spiegazione delle rotte della migrazione
 “Brain storming” a gruppi sul tema
Racconti dei luoghi comuni e dei casi di razzismo nel territorio
Motivazione sull’importanza di informarsi per poter essere liberi di scegliere
Condividere alcuni numeri sui rifugiati accolti in Italia, in Europa e nel mondo (attraverso una presentazione multimediale)
Spiegazione del sistema di accoglienza richiedenti asilo in Italia(attraverso una presentazione multimediale)
Consegna del foglio con alcuni dati e link di siti sul tema
Consegna dei braccialetti con i numeri
Consegna del foglio con info su app: Stella
“Lavoro per la casa”: cercare informazione sulle cause della migrazione

 

 Incontro 2: Giornata a Villaregia

Obiettivi:

Aiutare a capire le cause della migrazione
Aiutare a capire la realtà in altre nazioni (povertà, guerra, ingiustizia…)
Aiutare a capire come il “nostro” stile di vita ci fa “complici” della migrazione
Aiutare a “fissare” i passi principali del percorso
Far conoscere il progetto Intrecciati 
Far conoscere altre iniziative di integrazione e solidarietà
Motivare alle scelte concrete nella propria vita
Motivare l’integrazione
Motivare il volontariato
Incentivare iniziative locali

Come:

Condivisione a gruppetti: Come ti sei sentito avendo un numero che ti identificava?
Dinamica strappare il braccialetto : La storia di Dawd dalla Eritrea
Condivisione dell’informazione trovata sulle cause della migrazione

·         Spiegazione dei “push factors” e “pull factors” che spingono e attirano i migranti

·         Testimonianza di un missionario, spiegazione della realtà in una delle nazioni da dove partono i richiedenti asilo.

·         Approfondimento di alcune cause della migrazione: “Land grabbing”, guerre, cambiamenti climatici…

·         Visita alla “mostra missionaria”

·         Visita al centro di accoglienza dei richiedenti asilo politico

·         Lavoro di volontariato insieme ai missionari e ai richiedenti asilo politico

·         Pranzo a Villaregia con i missionari e i richiedenti asilo politico

·         Spiegazione della possibilità di volontariato con il progetto di ospitalità rifugiati: “Intrecciati” e altri associazioni (presentazione multimediale)

·         Testimonianza di un volontario del progetto Intrecciati

·         Testimonianza di un'altra associazione che lavora sul territorio (es. Commercio Equo e Solidale, Fare il Mappamondo)**

·         Riflessione personale e a gruppetti: Cosa posso fare io? Cosa possiamo fare noi?

·         Possibilità di acquistare il braccialetto “Intrecciati”

·         Sintesi del percorso

*Se non è possibile che il secondo incontro venga fatto a Villaregia si propone ancora un incontro a scuola sempre di due ore senza fare le attività scritte  in “grassetto”.

**Dipende dalla disponibilità dell’associazione per quella data

Per informazioni ulteriori:

 P. Jose Mariano - cell 346.503.8220 –

mail: josemarianoromaguera@gmail.com