Buonasera, oggi accogliamo qui a Vedrana una parte importante della nostra Chiesa locale, in particolare il nostro vescovo Matteo che è venuto a trovarci. Dò, inoltre, il benvenuto a p. Amedeo, responsabile generale della Comunità Missionaria di Villaregia; a don Massimo Ruggiano, vicario episcopale per la carità; a don Marcello, vicario del nostro vicariato di Budrio; a suor Maria Lanzoni, madre generale delle Visitandine dell’Immacolata; al sindaco di Budrio, Maurizio Mazzanti e al maresciallo Fabio Accursio.

Infine, alcuni rappresentanti di Caritas e del mondo missionario della nostra zona: Sauro Bandi, delegato regionale Caritas e don Mirco Sant’Andrea, delegato regionale di Missio.


Sono molto contento questa sera perché la nostra parrocchia di Vedrana vive l’apertura della sua festa di S. Luigi con un momento atteso, che abbiamo a lungo preparato in questi mesi: l’accoglienza della Comunità Missionaria di Villaregia.


Vorrei condividere con voi un piccolo pensiero, che mi sta a cuore e sul quale ho riflettuto in questi ultimi giorni: oggi viviamo un bellissimo scambio di doni tra la comunità parrocchiale di Prunaro e quella di Vedrana.

La Comunità di Villaregia è arrivata a Prunaro nel 2005 e allora nessuno poteva immaginare che saremmo arrivati a questo giorno: Prunaro dà a Vedrana questo dono, questo carisma, e Vedrana dà alla Comunità di Villaregia la casa, che è la casa delle suore, la casa Madre, che per noi vedranesi è un luogo importante, perché è un luogo nel quale tantissime persone sono nate, cresciute, sono state accolte fin da quando erano bambine.

Una casa nella quale le suore hanno fatto da madri a tante persone.

 

Mi sembra che la provvidenza abbia preparato un progetto che adesso noi stiamo interpretando.

Facebook
Missione Albania
Centro missionario diocesano Forlì