Mariuccina è stata missionaria per più di 20 anni in Brasile. Dal 2015 è in Italia ma continua ad offrire le sue preghiere ai fratelli di Belo Horizonte e a tutti quelli che la missione ad gentes le fa amare


Maria Teresa, da sempre conosciuta come Mariuccina, è nata 79 anni fa a Villacidro, in provincia di Cagliari. Sin da bambina ha sentito un’attrazione speciale per Dio, tanto da iniziare ad amare le missioni ancora ragazzina.

 

Alcune amiche scelsero di diventare suore missionarie e anche lei a 26 anni si consacrò totalmente a Dio, scegliendo di vivere la sua missione nell’assistenza ai genitori ammalati e nell’esercizio del suo lavoro come insegnante di scuola materna, dedicandosi ai bambini, con dedizione, affetto e simpatia.


Alla fine degli anni ’70 ha conosciuto il gruppo missionario formato da giovani, uomini e donne, da cui poi nascerà la Comunità Missionaria di Villaregia.

Di questo gruppo apprezza l’impegno a vivere la comunione e la missione a tal punto che, dopo la costituzione della Comunità, ha aderito come missionaria.

 

Dopo la morte dei genitori ha potuto realizzare il sogno della missione e nel 1993 è partita per Belo Horizonte, in Brasile, dove è rimasta per oltre vent’anni, fino al 2015.

 

 

Raccontando la sua esperienza in missione, così si esprime:

 

Sono stati anni molti belli in cui ho costruito tante amicizie. Ho imparato molto dalla gente povera. Soprattutto mi meravigliava la loro capacità di ringraziare Dio per tutto, un grazie per ogni dono, mentre mi sarebbe sembrato più normale che si lamentassero per ciò che non avevano.

Le esperienze più forti le ho vissute al lebbrosario, visitando i malati di lebbra e andando a trovare di notte, in strada, i meninos de rua (ragazzi di strada). E grande è stata la mia gioia nel vedere quanti bambini la Comunità di Villaregia è riuscita a strappare alla strada con il Centro dei minori di Betania.


Ora che le forze sono diminuite, Mariuccina continua a prestare il suo servizio nell’accoglienza di quanti visitano il centro missionario a Quartu Sant'Elena, realizzando lavori di cucito e impegnandosi in tante altre attività. 

 

La sua passione rimane la preghiera, attraverso la quale porta a Dio la vita dei fratelli che ha conosciuto nella missione e di tutti coloro che la sua vocazione missionaria ad gentes invita ad amare.

La gioia e la simpatia la rendono sempre giovane!

 


 

Ti potrebbe interessare

Le attività del Centro Betania in Brasile

Sostegno a distanza: regala il futuro a un bambino