Festa della mamma 2015… come si fa a non festeggiare le mamme? 

E come si fa a festeggiare senza un dolce?? …e come si fa a fare un dolce da soli??? …è proprio il caso di dire che quest’anno un bel gruppo di giovani non hanno resistito all’idea di trasformare ancora una volta la festa della mamma in un’occasione per sostenere la missione. 

C’è stato chi per la prima volta ha partecipato all’attività come Federica e ci ha lasciato questo messaggio: «Grazie per questa bellissima esperienza: tanto affetto, tanto amore, tanta voglia di condividere.

 Grazie di tutto.», e chi invece da vari anni porta avanti con entusiasmo quest’esperienza così da sentirsi parte ormai di un ingrediente dell’impasto delle ciambelle, come scrivono Chiara, Martina, Elisabetta, Melissa, Silvia e Francesca: «Grazie per questi tre giorni e per questa amicizia “burrosa”… ah, no… burro non ce n’è… “STRUTTOSA”!». 

E tra i tanti degustatori del prodotto, c’era Lucia che ha scritto così «Mi sono divertita molto ad aiutare, le ciambelle sono buonissime! Grazie di averle fatte.». 

Si effettivamente ciascuno ci ha messo del suo affinché tutte le ciambelle “uscissero col buco”… ne abbiamo raccolto qualcuno sentite qua: amicizia quanto basta, tanta pazienza e amore, tanta simpatia, 1kg di accoglienza reciproca, felicità, 3 tonnellate di stanchezza ripagate con tanto amore e fraternità, servizio, dono, amicizia tanta tanta… 

Insomma la ricetta è collaudata sull’impegno e la gioia di ciascuno di esserci… un grazie in particolare quest’anno va alla tenacia di Roberta e Martina, al supporto di Santina e Simonetta e ciascuno di voi per aver avuto il tempo e la volontà di mettere le mani in pasta… nei tre giorni ci siamo alternati circa in 40! Grazie e alla prossima ricetta…