In Mozambico la Comunità Missionaria di Villaregia ha avviato un laboratorio di produzione di ostie presso la Casa della Misericordia, luogo di accoglienza per gli ex detenuti 


Il progetto, nato da un'esperienza simile già realizzata nel carcere di Opera, prevede un periodo di formazione e poi la produzione di ostie per circa 20 parrocchie dell'arcidiocesi di Maputo. Ne parliamo con Antonio Perretta, missionario a Maputo da diversi anni e coordinatore della Casa dellla Misericordia. 

 

Perché è nato il progetto?

«"Il senso del pane... in Mozambico" nasce da un sogno. All’incirca tre anni fa, ho letto alcune notizie sulla Fondazione Casa dello Spirito e delle arti di Milano, una Onlus che svolge tale meraviglioso progetto nel Carcere di Opera a Milano, e subito mi è venuto il desiderio di replicarlo in Mozambico.

Inoltre, qui è di primaria importanza insistere sul tema dell’eucaristia perché i cristiani non sono la maggioranza, c’è quindi un lavoro catechetico importante da fare per spiegare la presenza reale di Cristo nel pane eucaristico consacrato. Un’ulteriore sfida è quella di portare le ostie in più zone della grande Diocesi di Maputo.

Molte parrocchie della periferia hanno problemi ad andare a cercare ostie nell’episcopio o in altri (rari) punti di vendita. La formazione è avvenuta a distanza, attraverso video-lezioni girate nel carcere di Opera. Potremmo definirla una gemmazione tra detenuti: gli uni spiegano agli altri come fare le ostie».

 

 

Dove si tiene il laboratorio? E quante persone coinvolge?

«Il laboratorio è attivo nella struttura di accoglienza e riabilitazione “Casa della misericordia” dell’arcidiocesi di Maputo. Un ex detenuto, selezionato in base a serietà e buona condotta, è il responsabile della produzione, affiancato da altri due ex detenuti. Dopo questa fase iniziale, tutti i membri della Casa della Misericordia, a turno, lavoreranno in laboratorio.

A pieno regime saranno circa 25-30 all’anno le persone coinvolte, che lavoreranno, di mattina, dal lunedì al venerdì».

 

 

Quali benefici per i detenuti e quali per le parrocchie di Maputo?

«Il progetto vuole essere uno stimolo a vivere una dinamica eucaristica più esplicita e aiuterà queste persone a vivere momenti di spiritualità eucaristica, attraverso la formazione richiesta e la preghiera che precederà il lavoro.

Per quanto riguarda le parrocchie, quelle interessate dal progetto sono circa una ventina, molte delle quali con cappelle rurali, che sorgono in zone povere e sabbiose. Questa iniziativa faciliterà l’approvvigionamento di ostie per queste realtà».

 

L'inaugurazione della Casa della Misericordia di Maputo, con i primi ospiti, il vescovo di Maputo e i nostri missionari

 

Qual è, a tuo parere, il senso profondo di questo progetto?

«Credo che sia un sogno di Dio: ostie fabbricate da mani che si sono sfigurate per aver commesso dei crimini. Dio rifà la nostra umanità! È questo "il senso del pane", preparato da mani che vogliono ricomporre un nuovo equilibrio di vita.

La dimensione gratuita del pane eucaristico è ben manifestata nella scelta di persone "ferite" che fabbricheranno la materia prima per il culto eucaristico.

C'è, inoltre, un legame spirituale tra i detenuti e le suore clarisse, molte delle quali fabbricano le ostie: Dio redime tutti e tutti accoglie, santi e peccatori. La stessa materia prima della messa prodotta in luoghi di grande preghiera (conventi) e luoghi di riabilitazione di persone che si sono ferite e hanno ferito. È il mistero della misericordia di Dio in atto».


Scopri di più sulla Casa della Misericordia di Maputo

 

O cajueiro no Moçambique  Nome da fruta – Caju Nome científico – Anacardium occidentale L. Família botânica – Anacardiaceae Categoria Origem – Brasil – regiões costeiras do Norte e Nordeste Características do cajueiro – O cajueiro é uma árvore que pode atingir até 10 metros de altura, com copa proporcional ao tamanho, arredondada, chegando a atingir o solo. Tronco tortuoso e ramificado. Folhas róseas quando jovens e verdes posteriormente. Flores pequenas, alvo-rosadas, perfumadas. Fruto do cajueiro – O caju