Grati e carichi della giornata vissuta con Papa Francesco, mercoledì ci si e ritrovati tutti a Fortezza dal Basso, l'enorme struttura fiorentina che ospita il 5° Convegno Ecclesiale Nazionale.

La prima parte della mattina è stata dedicata all'ascolto di due relazioni, quella sociologica, dettata dal prof. Mauro Magatti, e quella teologica, dettata da Mons. Giuseppe Lorizio. Varie le sottolineature apprezzate per entrambi: del prof. Magatti la concretezza dell'umano vivente unita all'affermazione che "la misura dell'uomo non sta in nessuna misura". Un uomo che è relazione ed è proprio la via relazionale che fa andare oltre il proprio io. Una relazione che ha tutto il tratto, il genio del nostro popolo italiano: il prendersi cura, la carità...
Mons. Lorizio, completando in un certo senso il quadro con la parte teologica, ha sottolineato le categorie del dialogo e dell'alleanza. Alleanza tra l'uomo e il creato, tra l'uomo e la donna, tra le generazioni, tra le religioni, tra cittadino e istituzione, tra Cristo e la Chiesa.

La seconda parte della mattina e tutto il pomeriggio sono stati vissuti nei gruppi di studio secondo le 5 vie per un nuovo umanesimo, tratte da Evangelii Gaudium di papa Francesco: uscire, annunciare, abitare, educare, trasfigurare. Ogni gruppo contava una decina di persone circa. Davvero un'esperienza sinodale, come si sottolinea in varie riprese. I delegati delle varie Diocesi e Realtà portano il vissuto e la comunione costruita, portano domande e speranze, portano la ricerca e la voglia di rimboccarsi le maniche della Chiesa italiana declinata nel territorio di provenienza di ciascuno di loro.

Continuiamo a chiedere lo Spirito Santo sul lavoro che continua anche oggi.

(Raffaella Campana)

 

Articoli correlati:

La Chiesa secondo papa Francesco. (10 novembre)

E' iniziato il 5° Convegno Ecclesiale Nazionale a Firenze. (9 novembre)

Contributo degli Organismi missionari al Convegno.