Raffaella Campana della CMV è presente a Firenze in quanto membro del S.U.A.M. (Segretariato Unitario di Animazione Missionaria che riunisce i rappresentanti di tutti gli Istituti, Associazioni ed Enti missionari, femminili e maschili, religiosi e laicali). Alla fine della prima giornata ha scritto qualche impressione:
"Il 5° Convegno Ecclesiale Nazionale è finalmente iniziato. Divisi in 4 grandi gruppi, sotto lo sguardo di vari cittadini, i 2.500 convegnisti sono partiti in processione dalle 4 basiliche fiorentine. In un clima di serena preghiera i 4 cortei sono confluiti in piazza Duomo per passare prima al Battistero ed entrare poi in Duomo.

Il primo saluto è stato dell'arcivescovo di Firenze, Sua Em.za il Card. Giuseppe Betori, seguito poi dall'intervento del primo cittadino di Firenze, il sindaco dott. Dario Nardella. Dopo la celebrazione dei Vespri ha preso la parola Mons. Cesare Nosiglia, arcivescovo di Torino e presidente del Comitato preparatorio. Con poche pennellate Mons. Nosiglia ha presentato il grido dell'umanità ferita che giunge dalle tante periferie esistenziali che la Chiesa italiana vuole ascoltare ed accogliere secondo la logica dell'incontro tanto auspicata da papa Francesco: gli immigrati, la povertà, la crisi economica, la famiglia, le nuove generazioni, la sfida educativa, l'ambito ecologico... Ha sottolineato come il Convegno non ha intenzione di fermarsi sul piano delle idee, ma vuole offrire un umanesimo in ascolto, concreto, plurale e integrale.

La serata si e conclusa con lo scambio fraterno che sta facendo gustare la gioia di conoscere quanto buon umanesimo si sta seminando in tante zone del nostro Paese, senza tanto rumore, ma con impegno e speranza.

Tutti sanno che è domani il vero avvio del Convegno con l'arrivo e l'incontro al mattino di Papa Francesco. La sua parola e la sua presenza sono attesissime."

 

Articoli correlati: 

Contributo degli Organismi missionari al Convegno.